La Piometra

La piometra, infezione purulenta dell’utero,  è una patologia diffusa nei soggetti adulti di sesso femminile, sia cani che gatti, non sterilizzati. Le statistiche indicano che la maggior incidenza di questa patologia si ha tra gli 8 e i 10 anni di età, nella fase diestrale (45-60 giorni dopo l’inizio del calore), in femmine che non hanno avuto gravidanze periodiche oppure in soggetti trattati farmacologicamente allo scopo di sopprimere i calori.

Le Cause:

La piometra si sviluppa nella fase di diestro (fase successiva a quella in cui la femmina accetta il maschio per l’accoppiamento), in questa fase si ha la produzione di quantità elevate di progesterone, che aumenta la secrezione da parte delle ghiandole della mucosa uterina  e diminuisce l’attività muscolare. Questo determinerà un alterazione della mucosa uterina ed il ristagno e l’accumulo di secreto all’interno degli acini ghiandolari , situazione nota come Iperplasia Endometriale Cistica. La presenza di questo secreto intrappolato all’interno dell’utero facilitano la crescita batterica (il principale batterio responsabile di questa patologia è l’ Escherichia Coli) con sucessiva produzione di pus.

I Sintomi della Piometra:

I sintomi di piometra sono vari. I segni iniziali sono inappetenza, apatia ed abbattimento. In un secondo momento l’animale manifesta un aumento del fabbisogno d’acqua, seguito da un incremento (in frequenza e quantità) della minzione. Altri sintomi clinici di frequente riscontro sono febbre, scolo vulvare di colore rosato, costituito da sangue e pus, vomito e diarrea. La piometra può manifestarsi in forma “chiusa” o “aperta” a seconda della pervietà della cervice: si parla di piometra chiusa quando la cervice non permette la fuoriuscita di materiale e aperta, invece, quando si assiste ad uno scolo purulento di materiale accumulato in utero.

La gravità della patologia dipende dalla proliferazione batterica che liberando endotossine causa  un’intossicazione caratterizzata non solo da vomito e diarrea, ma anche da alterazioni dei glomeruli renali, con conseguente predisposizione ad una eventuale insufficienza renale.

La Diagnosi:

La piometra viene sospettata in base all’ anamnesi ed alla sintomatologia clinica. Possono dare conferma al sospetto diagnostico esami del sangue (emocromo), una ecografia addominale o una radiografia.

 La terapia:

La terapia di questa patologia è nella maggior parte dei casi chirurgica (ovarioisterectomia). In animali di particolare pregio utilizzati per la riproduzione è possibile tentare con una terapia antibiotica aggressiva.

 

I mio consiglio è quello di far sterilizzare cagne e gatte in giovane età per evitare di dover poi ricorrere ad un intervento chirurgico in urgenza oltre che per prevenire i tumori mammari.